PROCEDURA DI RINNOVO DEL CONSIGLIO CAMERALE (pubblicato sul sito della Camera di Commercio di Cagliari)

La Regione Sardegna con decreto n.37 del 4 luglio 2016 ha determinato il numero dei seggi spettanti alle organizzazioni interessate nel Consiglio della Camera, e con nota n.12301 del 4/7/2016 le ha invitate a comunicare i nominativi dei componenti. Le comunicazioni dovranno effettuarsi entro 30 giorni alla pec “presidenza.dirgen@pec.regione.sardegna.it.
————————
E’ probabile che il Consiglio camerale venga ricostituito entro il mese di agosto e, in ogni caso, non oltre il mese di settembre. Entro la stessa data verranno eletti il presidente e la Giunta camerale. Fatti salvi intralci e ritardi a motivo di eventuali ricorsi, allo stato non previsti né prevedibili.
Leggi il seguito


Leggi il seguito

Determinazione n. 29 del 23 maggio 2016
Oggetto: Nomina sub-Commissario liquidatore. Funzioni.
- segue – Leggi il seguito

By PAOLO FADDA, 22 maggio 2016 @ 19:40

Quel che scrive, caro gfm, è giustissimo, e suona a conferma che al declino-sfacelo di questa benemerita istituzione non c’è più limite alcuno. La Camera di commercio di Cagliari è oggi niente più che un fantasma, ridotta ad essere niente più che un modesto certificatificio, estranea del tutto a quel che accade alle nostre imprese colpite dalla crisi, ai nostri trasporti avviliti da defezioni sempre più pesanti, alle attività produttive in sofferenza per l’inaridimento dei crediti bancari, ecc. ecc. Così anche la sua biblioteca, già così ricca di contenuti e così efficiente per servizi, sembra prossima all’estinzione: è anche questo il segno manifesto di quanto un’ottusa burocrazia e delle gestioni infelici siano capaci di cancellare anche le più importanti e qualificanti istituzioni cittadine, Sono quindi con lei, carissimo amico, pronto ad aggiungere anche la mia firma (e la mia voce) a quest’appello di protesta e cdi indignazione!

C’era un fior di biblioteca, una volta, alla Camera di Commercio di Cagliari
di Gianfranco Murtas su Fondazione Sardinia

I giornali hanno pubblicato nei giorni scorsi una bella foto ritraente numerosi pazienti nostri concittadini in fila per entrare nella sede della Camera di Commercio, dall’ingresso ufficiale del largo Carlo Felice, in occasione della ventesima edizione di Monumenti Aperti. Entrati nelle sale basse e in quelle alte, bellissime, della presidenza e dei convegni, con i quadri bellissimi del Serpieri e del Pernis fra gli altri, essi sono stati impediti però di vedere la magnifica biblioteca camerale, una perla rara a Cagliari. Mal funzionanti (da anni!) le scale che portano al sottopiano, interdetti i locali adibiti da lunghi anni al servizio bibliotecario. Questo è l’incipit.

Direi così. E’ un patrimonio librario e documentario immenso, e molto, molto qualificato, quello della nostra Camera di Commercio. La biblioteca che è il servizio che ne cura la custodia e la fruizione da parte degli studiosi chi di economia chi di storia economica e civile, chi di diritto e di altre discipline fu istituita nel 1903, quando gli uffici erano ancora allogati al primo piano del palazzo Devoto Cao. Nel 1928, allorché vennero inaugurati i locali della nuova sede disegnata dal Beltrami e dagli altri architetti, fra cui il nostro Simonetti, la biblioteca divenne esemplarmente il cuore colto, rassicurante e ambizioso della intera Camera, con le progredienti intere raccolte della Gazzetta ufficiale, le dotazioni del Comizio Agrario e della scomparsa Reale Società agraria, i testi donati dal conte Sernagiotto di Casavecchia e, acquisiti alla vigilia del secondo conflitto mondiale, quelli rivenienti dalla famiglia Aymerich. Ma non solo: con il suo fondo recante edizioni del Cinquecento, del Seicento e del Settecento, le sue unità antiche assommavano, già ai primi censimenti, a 250 e le collezioni di quotidiani e riviste, anch’esse in continue implementazioni, coprivano i vuoti registrati nelle altre maggiori, fra cui l’Universitaria. Esse avrebbero fatto felici gli studiosi di cinquanta e ottanta anni dopo.

Alcune schede e diversi articoli a firma di Maria Rita Longhitano, illustrativi della ricchezza del patrimonio bibliografico ed anche archivistico della Camera (al netto delle perdite non marginali dovute alla guerra e ad altri accidenti), quantificano in undicimila le monografie presenti, in 800 i titoli di periodici (ben 120 in continuazione), mentre numerose sono le banche dati su supporto elettronico. E certo io non so tutto…

Apposite sezioni presenti nel sito ufficiale della Camera descrivono al meglio tante preziosità.

Credo di aver frequentato la biblioteca, per qualche tempo giornalmente, e comunque con assiduità sempre, dai primi anni ’80, un trentennio e più. Forse vi ho registrato cinquemila accessi. Lì ho trovato abili operatori come Sergio Zardi e Sandro Bifulco, da alcuni lustri ormai la dottoressa Longhitano, competente come pochi. Servizio ottimo sempre, all’altezza e gentile in ogni caso, anche nelle subordinate: nella ricerca cioè delle fonti alternative, delle sedi altre, quando necessario. E in quelle stanze silenziose e tranquille, ideali per la consultazione e lo studio, fra quei mobili eleganti di antica ebanisteria, quanta ricerca e quanti incontri! Vittorio Scano per il suo Almanacco di Cagliari, diversi suoi collaboratori impegnati a raccogliere i materiali per i rispettivi contributi, don Tonino Cabizzosu direttore (al tempo) dell’Archivio storico diocesano, Francesco Cocco già assessore regionale alla Pubblica Istruzione, Carlo Figari già vice direttore de L’Unione Sarda, Paolo Fadda storico dell’economia e saggista prolifico e gustoso, e potrei moltiplicare l’elenco per cinquanta, e aggiungere decine di ragazzi impegnati nella stesura della loro tesi di laurea presso facoltà umanistiche od economico-giuridiche, perfino tecnico-ingegneristiche, provenienti ora dalla città ora dalla provincia o dalle province… Un polmone autentico di cultura per giovani e anziani, per docenti e cultori, per occasionali oppure seriali autori di monografie.

E se pur sia vero che oggi taluni accessi possono risparmiarsi per la messa in rete delle pubblicazioni – si pensi alla Gazzetta ufficiale – certo questo non è e non può valere per la prevalenza, anzi la grande prevalenza degli utenti potenziali e di quelli reali, sperimentati, che hanno necessità di consultare quanto è alla Camera e non è, per esempio, alla Universitaria o alla Provinciale, alla Regionale o all’Archivio della MEM, o al Consiglio di via Roma ecc.

Passo alla conclusione. Quello che duole è che da sei mesi ormai, per vera o presunta – direi vera sul piano obiettivo, ma pur gestibile – inagibilità degli ambienti deputati al servizio – sotterraneo rispetto al Largo Carlo Felice, al piano stradale ma interno a vederla dalla via Angioy, la biblioteca sia inaccessibile.

Commissariata la gestione amministrativa della Camera di Commercio, non sembra entrata nelle priorità, ma neppure nelle seconde file delle preoccupazioni della professoressa Piras, al comando pieno dell’ente, proprio la questione della biblioteca. E spiace molto – davvero molto – che ella non abbia mai avvertito come suo dovere, che invece potrebbe o dovrebbe nascere dalla stessa sua sensibilità di docente, di tenere informata l’utenza – leggi la cittadinanza – della tempistica prevista per il rimedio delle cause all’origine dell’interruzione del servizio.

E’ un modo, a mio avviso, sempre incomprensibile quello di non rispettare il pubblico, la cittadinanza, da parte di politici e burocrati di varia provenienza. La Piras si mostra omologa alla massa di chi, titolare di un ufficio pubblico, rimuove il dovere elementare della informazione, che è fatto di democrazia anch’esso. E pure ci vorrebbe poco: un comunicato alla stampa scritta e radiotelevisiva locale per comunicare i perché della sospensione ed i tempi del ripristino.

So bene quanto la Camera di Commercio di Cagliari avesse bisogno di una revisione radicale dei suoi bilanci, tanto più per raddrizzare orientamenti e scelte incomprensibili anch’essi, e certo non meno dei silenzi dell’attuale commissario straordinario. Non sarà mai nelle benemerenze della presidenza Deidda la sospensione delle pubblicazioni della bellissima rivista – “Sardegna Economica” –, cui non di rado mi è capitato di collaborare, diretta dal commendatore Paolo Fadda. Scriverci era diventato un punto d’onore anche per diversi docenti universitari colleghi della Piras.

Mentre si sopprimeva quel periodico, non si sopprimevano né si contenevano altre spese forse meno idonee a creare valore, e a dare valore, al buon nome storico della Camera fondata dal Serpieri e cofondata dal Rossi Doria e dal Pernis. Lontani un decennio ormai i tempi della perfetta diarchia Romano Mambrini – Paolo Solinas, perduta la sua rivista, l’ente camerale di Cagliari ha perduto anche la sua biblioteca. Nel silenzio generale. Sale una protesta, la mia, solitaria, a futura memoria.

Si complica la situazione della Camera di Commercio di Cagliari. La Giunta regionale autorizza la nomina di un sub-commissario. Ecco il decreto attuativo del presidente Pigliaru.

Angolo dell’umorismo del 13 febbraio 2016
fp e ppDialogo immaginario. Protagonisti Francesco Pigliaru presidente della Regione e Paola Piras commissaria straordinaria della Camera di Commercio di Cagliari. Il presidente incrocia la commissaria nei corridoi della Regione e visibilmente alterato le dice: “Paola, ma che cazzo stai combinando in Camera di commercio?” La commissaria intimidita e contrariata: “Perché Francesco, cosa ho fatto di male?”. Francesco Pigliaru: “Hai chiuso il Laboratorio chimico-merceologico della Sardegna! E ora vorresti addiritura chiudere la Fiera di Cagliari!”. “Ma Francesco ho dovuto farlo per il Laboratorio e sarò costretta a farlo anche per la Fiera per almeno due motivi: 1) perché la gestione politica di vertice era o è fatta da incompetenti e 2) costano veramente troppo rispetto ai rispettivi risultati”. “Ma, allora” – chiosa il presidente, nel mentre calmatosi: “Con questo ragionamento dovremmo chiudere anche la Regione!”.
Il dialogo è davvero immaginario. Ogni commento purché non sia troppo serio è autorizzato!
—————————————————–
Aggiornamento del 25 aprile 2016
PP e FP 25 4 2016 DS_2 Leggi il seguito

L’Assessorato dell’Igiene e sanità e dell’assistenza sociale ha aggiornato l’elenco regionale dei laboratori di autocontrollo non annessi alle industrie alimentari. In elenco anche il Laboratorio Chimico Merceologico della Sardegna Soc. Cons. a.r.l. Peccato che la Commissaria della Camera di Commercio lo abbia chiuso!
(RAS 22.04.16 – igiene pubblica e veterinaria)
Aggiornato l’elenco regionale dei laboratori di analisi sugli alimenti
- L’Assessorato dell’Igiene e sanità e dell’assistenza sociale ha aggiornato l’elenco regionale dei laboratori di autocontrollo non annessi alle industrie alimentari.
Ricordiamo che possono richiedere l’inserimento nell’elenco, in qualunque momento dell’anno, i laboratori che operano sul territorio della Sardegna e che sono stati accreditati per le singole prove o gruppi di prove da un organismo di accreditamento riconosciuto. L’iscrizione può essere richiesta anche da laboratori non ancora accreditati, purché dimostrino l’avvio delle procedure di accreditamento.
- Consulta i documenti
Elenco aggiornato.
———————————

DICHIARAZIONE DI ENRICO LOBINA CANDIDATO SINDACO DI CAGLIARI CITTA’ CAPITALE SULLE VICENDE DELLA FIERA INTERNAZIONALE DELLA SARDEGNA
.
Quanto sta succedendo a Cagliari per quanto riguarda la Fiera ha dell’incredibile. Un commissario straordinario, che ha il mandato precipuo di ripristinare il funzionamento democratico della Camera di Commercio e che sulla base del decreto di nomina e della tempistica del procedimento di rinnovo degli organi camerali dovrebbe essere già scaduto (vedi il cronogramma sul sito camerale: http://images.ca.camcom.gov.it/f/procedurerinnovo/cr/cronoprog_proc_rinn.pdf) si permette di sopprimere l’Azienda Speciale Fiera, articolazione della stessa Camera. Lo fa, in perfetta solitudine, incurante dei danni che ciò provocherà in termini di possibile perdita di posti di lavoro e di compromissione delle prospettive per una Fiera che andrebbe ripensata, riqualificata e dotata di un management adeguato al servizio della città e della Sardegna.
Cagliari Città Capitale è intervenuta ripetutamente sulla questione, con idee e proposte innovative e percorribili, raccolte anche coinvolgendo autorevoli esperti. Abbiamo chiesto, tra l’altro, che in tempi brevi la Commissaria convocasse una conferenza sulle prospettive della Fiera a cui partecipassero le Istituzioni, le Associazioni di categorie, l’Università. La risposta è stata il silenzio della Commissaria come delle Istituzioni interessate. Preoccupa al riguardo soprattutto il silenzio del Comune di Cagliari, che in questo modo si rende corresponsabile del disastro della Fiera, contribuendo ulteriormente al declino della città. Cagliari Città Capitale, nel ribadire con forza la propria posizione e rinnovare le proprie richieste, invita la Commissaria a concludere il mandato affidatole nei tempi previsti e dunque con rapidità consentendo il ripristino del funzionamento democratico della Camera di Commercio, attraverso la nomina del nuovo Consiglio Camerale, di competenza del presidente della Regione.
————————
Il decreto di nomina: http://images.ca.camcom.gov.it/f/AMMINISTRAZIONETRASPARENTE/de/decr_ras_nomina_comm.pdf


echo '';